Loading...

Tentiamo di far emergere la musica sotto il vulcano

LUCA CILIBERTI

CATANIA. Vivaddio c’è ancora qualcuno che ci crede. Stupisce piacevolmente scoprire che a Catania è nata una nuova etichetta discografica, una nuova casa di produzione musicale che ha voglia di scoprire e investire su giovani artisti di talento. Il progetto si chiama Mhodì e vuole mettersi a disposizione di chi fa musica con grande passione, tra scantinati e sale prove. «Nell’epoca in cui i ta- lent scout abbandonano i locali under- ground per frequentare i salotti bene dei reality show esistono ancora persone che credono nei musicisti emergenti – spiega Giuseppe Strazzeri, general manager di Mhodì – La nostra è una scelta coraggiosa e assolutamente in contro- tendenza, sappiamo già che i nostri in- vestimenti potrebbero essere a fondo perduto. Ma non si può impedire di sognare, soprattutto a chi ha vissuto il fermento della Catania di fine millennio».

Nuova casa discografica

Nuova etichetta discografica in Sicilia

L’etichetta, che lavora come una micro major, si avvale di un cast tecnico giovane e creativo fatto di videomaker, scenografi, fotografi e press-agent. Se-

parte delle major cestinano senza neanche aprirli. In fondo il nostro lavoro ini- zia proprio da lì».

Proprio da una demo è cominciata la storia di Marfi, un giovane cantautore catanese di 27 anni che, inaspettata- mente, dai banconi dei surgelati del supermarket nel quale lavorava si è trova- to proiettato in radio e sul web con un discreto successo dei suoi due singoli.

Il videoclip del brano Un’altra notte è stato realizzato da un team tutto catanese, integralmente girato nella città etnea, frutto di una scelta fortemente voluta dalla Mhodì con il sostegno del- la Film Commission di Catania, con l’in- tento di sostenere e rilanciare l’immagine di una città dal fermento artistico e culturale sempre vivo. La serata di presentazione – durante la quale Marfi si è esibito in versione acustica accompagnato dal chitarrista Mario Indaco – è stata l’occasione per riunire alla galleria Reba Project Space di Catania, alcuni personaggi che hanno sempre alimentato e stimolato la musica in città, dallo storico musicologo Nico Libra alla mamma di Carmen Consoli.

2018-11-18T14:17:33+00:001 Marzo, 2011|
Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Settings Accetto
| Etichetta Discografica e Casa di Pruduzione